Call us toll free: +1 800 789 50 12
Top notch Multipurpose WordPress Theme!

Saluto Nel Judo

IL SALUTO

Il primo gesto che viene insegnato ad un allievo di judo è il  saluto. Questo cerimoniale ha nei paesi dell’estremo oriente,  un ruolo  fondamentale nelle relazioni sociali e risale ad  una  tradizione millenaria. Per questo motivo le forme di saluto  sono molto importanti anche nel judo. Il saluto non è soltanto  un gesto formale, ma una forma di rispetto nei confronti  dell’avversario in un combattimento, del Maestro di Judo e di  tutti i compagni.
Il saluto scandisce l’inizio e la fine di ogni attività nel dojo e  deve essere eseguito correttamente.

SALUTO

Il saluto si esegue in due maniere: RITSUREI (saluto in piedi),  ZAREI (saluto in ginocchio).

RITSUREI: saluto in piedi

saluto in piedi

È il saluto più semplice che si esegue in posizione eretta e braccia lungo il corpo, con gambe distese, talloni uniti e punte dei piedi divaricate. In Giappone le donne appoggiano le mani davanti alle cosce. Si fa piegando il busto in avanti, con calma, lasciando il tronco diritto con un angolo di circa 30°, la testa segue il movimento con lo sguardo dritto davanti, le braccia scivolano lungo il corpo e le mani si appoggiano appena al di sopra delle ginocchia.
Dopo una breve pausa si torna nella posizione di partenza.
Questo saluto si fa quando si entra in un DOJO e quando vi si esce, quando si sale o scende dal TATAMI; quando si incontra il Maestro e i compagni di allenamento o di gara, prima e dopo l’incontro.

ZAREI – saluto in ginocchio

saluto in ginocchio

Questo è un saluto più formale e si esegue in ginocchio.

Si parte dalla posizione eretta, si porta dietro il piede sinistro e si posa il ginocchio a terra all’altezza del tallone destro, quindi si scende con il ginocchio destro per finire nella posizione in ginocchio ma sollevati dai talloni. Si devono girare le dita dei piedi, accavallando l’alluce destro sul sinistro e ci si siede sui talloni divaricati, tenendo la schiena ben dritta. Le ginocchia sono tenute ad una distanza di circa 20cm e le mani vengono appoggiate di piatto sulla parte alta delle cosce, con le dita rivolte all’interno. Dopo una breve pausa, si posano le mani di piatto a terra, con le dita rivolte verso l’interno, ad una distanza di circa 10 cm. dalle ginocchia, e nello stesso momento si inclinano il tronco in avanti verso il suolo, flettendo le braccia, senza appoggiare la fronte a terra o sollevare le anche. Quindi si ritorna nella posizione di partenza, ripetendo tutti i movimenti in modo inverso. Il tutto si svolge con calma e serietà.

L’obiettivo di un incontro di judo è quello di lanciare l’avversario a terra sulla schiena, oppure di fermarlo a terra principalmente sulla sua schiena, o costringerlo ad arrendersi per un soffocamento, o uno strangolamento o una leva articolare al gomito.
Una di queste situazioni fa vincere immediatamente l’incontro.

saluto in ginocchio 2

Entrata

Prima del combattimento i due judoka si incontrano sul tatami (tappeto) e fanno il saluto. Salutano una prima volta il tappeto dall’esterno, poi si posizionano appena fuori dall’area di gara vera e propria e attendono il segnale dell’arbitro. Quando sono a distanza di combattimento, si salutano reciprocamente ed aspettano il segnale di partenza Hajime.

Arbitraggio

Gli arbitri di judo devono:

- accordare i vantaggi o la vittoria al combattente in base alle tecniche riuscite;

- mantenere l’interesse del combattimento e di assicurare la sicurezza dei combattenti, fermando e facendo riprendere il combattimento quando è necessario;

- fare rispettare le regole e di applicare le sanzioni appropriate quando è necessario.

Nelle gare ufficiali sono presenti tre arbitri: un arbitro “centrale” che segue i combattenti e due arbitri detti “arbitri di angolo” che stanno seduti ai due angoli opposti del tatami. L’arbitro centrale, durante il combattimento utilizza dei termini in giapponese accompagnati da gesti, per essere capito anche da lontano. Gli arbitri di angolo si esprimono in caso di disaccordo con la decisione dell’arbitro centrale, utilizzando gli stessi gesti. Se uno solo dei due arbitri di angolo dà il suo parere, l’arbitro centrale prende atto del suggerimento ma non può modificare la propria decisione, se è già stata espressa dal relativo gesto; se invece tutti e due gli arbitri di angolo sono d’accordo contro il parere dell’arbitro centrale, questo deve cambiare la sua decisione.

Elenco dei termini di arbitraggio impiegati in gara:

Hajime – combattete

Matte (braccio teso con palmo diretto verso il tavolo della giuria) – fermate e ritornate a posto

Soremade – fine del combattimento

Sonomama (toccando i due combattenti) – quando l’arbitro vuole verificare qualche cosa senza modificare la posizione dei combattenti durante la lotta a terra

Yoshi (toccando brevemente i due combattenti) – riprendete il combattimento, dopo Sonomama

Hantei – decisione dei giudici (braccio alzato in verticale)

Yuko (braccio teso di fianco a 45 gradi, dita tese) – vantaggio medio

Waza-ari (braccio teso di fianco a 90 gradi, dita tese) – mezzo punto

Waza-ari Awasete Ippon (braccio teso di fianco a 90 gradi, dita tese, poi sale in posizione di Ippon) – 2 Waza-ari ossia un Ippon

Ippon (braccio teso al di sopra la testa, dita tese) – vittoria acquisita (punto), fine del combattimento

Osae-komi – inizio dell’immobilizzazione (braccio teso in avanti a 90 gradi palmo verso terra)

Toketa – uscita dall’immobilizzazione (agita il braccio teso in avanti a 90 gradi a destra e sinistra col palmo di taglio)

Shido – (indica col dito il combattente sanzionato) sanzione lieve

Hansoku-make – sanzione grave, che presa direttamente, comporta la squalifica.

 

Uscita

Quando l’arbitro ha dato il segnale di fine gara e ha stabilito chi è il vincitore, i due combattenti si salutano con l’inchino e una stretta di mano, salutano la zona di combattimento e infine il tappeto, alla loro uscita.